#mediterraneo

#mediterraneo
Mamma da bambino mi diceva sempre, rimboccandomi le coperte: “Dormi tranquillo, intorno alla nostra isola c’è il mare a cullarci”…
Il mare era un pensiero che immediatamente mi tranquillizzava, mi metteva pace pensarlo come un gigantesco acquario, pieno di pesci e con qualche sirena, con tesori e galeoni nei fondali e mi posavo anche una conchiglia sull’orecchio per ascoltare il rumore delle onde…
“Se pensi al mare ti addormenterai subito e farai sogni meravigliosi”, insisteva mamma prima di spegnere la luce, accostare la porta e andare via…
Anche da adulto poi, ho talvolta scelto di addormentarmi con i rumori del mare in sottofondo…
Oggi ad esempio, dopo cena, dopo qualche pagina di un libro e due chiacchiere al telefono, ho spento la luce, ho messo in sottofondo i rumori del mare ed ho provato a dormire… Però non ci sono riuscito…
Stanotte oltre al crepitio delle onde, in lontananza, sento delle grida, forti… Prestando attenzione posso sentire che sono urla di donne, uomini e bambini che chiedono aiuto… Ma nessuno li salva… Nessuno se ne preoccupa e allora loro affogano, trasformando il mio acquario meraviglioso, la culla dei miei sogni in un buio cimitero.
Dunque, ora voglio sapere di chi è la colpa, desidero conoscere chi ha fatto in modo che la mia culla diventasse un posto così oscuro e macabro. Insisto perché quando un luogo preposto al sogno si trasforma nella negazione dei desideri, nell’opposizione alla libertà e nel disconoscimento dei valori, nessuno può rimanere indifferente… Che sia la guerra, la politica, la geografia, la storia o più tristemente una certa matematica scevra di umani sentimenti, non ho intenzione di trattare… Pretendo la tranquillità di quel mare, io rivoglio Ia mia culla!
(Chris)

“Il caffè delle ragazze – Svincoli d’amore” il nuovo libro di Ilaria Dalle Luche Jones

Il caffè delle ragazze svincoli d'amore Vi consiglio una storia di donne di oggi, indaffarate tra lavoro e famiglia, narrata dalla scrittrice Ilaria Dalle Luche Jones. Nata a Napoli, laureata in giurisprudenza ma con la passione della scrittura fin da piccola, vive da sempre a Forte dei Marmi, “Il caffè delle ragazze – Svincoli d’amore” edito Imprimatur è il suo secondo romanzo. Il primo libro, “Il caffè delle ragazze”, pubblicato da Vertigo, fu insignito del Premio Margutta nel 2012.

Quarantenni, single e molto amiche: sono le “ciuffe“. Si incontrano periodicamente al Caffè delle ragazze, gestito da una di loro, e si raccontano, ognuna con il proprio vissuto sentimentale e le proprie aspettative. Storie di amori ambigui, tradimenti, maternità sognate e passioni travolgenti nell’epoca di Facebook e della nuova generazione 2.0, dove l’eterna ricerca della felicità e di una relazione stabile ritorna costante come ai tempi delle nostre madri e delle nostre nonne. Perché la storia di queste giovani donne “rispecchia in pieno le difficoltà dell’amore, i continui dubbi e le paure universali che poi prendono connotazioni storiche a seconda dell’epoca in cui ci si trova a vivere”. Una saga al femminile, ma soprattutto il racconto di una grande amicizia, destinata a durare oltre le avversità e i piccoli grandi problemi quotidiani.

Christian Floris: Nella Piccola Atene due giornate di cinema cult.

pieradegliesposti_christianfloris.comDue intere giornate di cinema a Pietrasanta, venerdì 21 e sabato 22 novembre. E’ un evento. Manca per fine fondi “Europa cinema” a Viareggio, irrompe una manifestazione importante che Domenico Lombardi, poeta e sensibile operatore di cultura, nonché sindaco e candidato sindaco per il futuro, intercetta dalla Liguria e propone al territorio. Con volti e nomi sonanti: si va da Piera Degli Esposti attrice di grande spessore e letterarietà, ad Abel Ferrara, che a Cannes, durante l’ultimo festival, convinse con un mirabile “Pasolini”, a Luca Miniero, campionissimo di incassi per film commedia sul Nord e Sud d’Italia, popolari e succosi.

Le due giornate a Pietrasanta sono all’insegna del Premio “Agave di Cristallo” che viene assegnato agli autori dei dialoghi più stimolanti di film e documentari. Il Premio, ideato da Stefano De Martino, già autore del Premio “Lumezia” per canzoni d’autore, ha nel suo carnet autori di primissimo livello, da Ettore Scola a Mario Monicelli, da Pupi Avati a Dino Risi a Lina Wertmuller a Nanni Moretti. L’edizione di quest’anno non manca di prestigio e promette pane e cinema ai tanti a assoggetati al cult delle pellicole “con senso”.

christian_florisDirettore del festival è un giovanissimo talento del giornalismo e della televisione “di significato”: Christian Floris, sardo, accattivante, espertissimo nella materia. Ha fatto la gavetta: dal figurante ad esploratore di linguaggi nuovi (radio web e radio visione) da autore con Costanzo a conduttore di un programma sui libri (1114 puntate). E’ energico Floris, è uno scatenato che ci crede, e, soprattutto, cerca di valorizzare i giovani e i nuovi soprattutto impegnato nel sociale. Uno che non si tira indietro alle sfide, e Pietrasanta, con quest’autunno così bagnato, grazie a lui riaccende e fa splendere le luci del palcoscenico; anche se Pietrasanta di cinema ne mastica da anni parecchio e spesso i versiliesi si rifugiano al Teatro comunale per gustare anticipazioni gustose. Il cinema che De Martino e Floris recano a Pietrasanta è, nel vasto programma delle due giornate, davvero chicca.

Da “Il Tirreno” 21/11/2014 – Articolo: Adolfo Lippi

Agave di Cristallo: Premio ai film con i migliori dialoghi

ACLa rassegna Agave di Cristallo è nata nel 2005 da un’idea di Stefano De Martino, già autore del più noto Premio Lunezia per il valore musicale e letterario delle canzoni italiane, e in passato ha annoverato presenze illustri come Pupi Avati, Ettore Scola, Mario Monicelli, Dino Risi, Lina Wertmuller, Nanni Moretti e molti altri; personalità premiate per la qualità dei dialoghi all’interno delle loro opere cinematografiche, precisa peculiarità del premio Agave di Cristallo.

L’edizione di quest’anno, organizzata con la collaborazione della Toscana Film Commission e del festivalLa Versiliana”, si svolgerà presso la città di Pietrasanta. “Un territorio che ci onora e ci stimola” spiega il Patron Stefano De MartinoPietrasanta è una cittadina tra le più prestigiose d’Italia in tema d’arte e di iniziative culturali“.

La manifestazione si svolgerà al Teatro Comunale di Pietrasanta con la prima giornata dedicata alla visione di alcuni film in concorso e all’incontro “Dialogo sui mestieri del cinema” rivolto agli studenti delle scuole di Pietrasanta, che assisteranno alla proiezione del Miglior Film Straniero per la qualità dei dialoghi.

Il 22 novembre si terrà il Galà di premiazione e nel corso della serata numerosi saranno i personaggi coinvolti con premi speciali e menzioni alla carriera, tra cui spiccano i nomi di Piera Degli Esposti per aver valorizzato la Cine-Letterarietà nei ruoli interpretati, Abel Ferrara per il film “Pasolini“, Luca Miniero per i dialoghi nella commedia italiana, Sebastiano Rizzo per il miglior corto “La ricotta e il caffè” e molti altri.

I film in concorso per il riconoscimento come Miglior Film Italiano e Straniero sono:

Miglior Film Italiano per la qualità dei dialoghi

“Tutta colpa di Freud” di Paolo Genovese

“Ti ricordi di me?” di Rolando Ravello

“Un boss in salotto” di Luca Miniero

Miglior Film Straniero per la qualità dei dialoghi

“The Giver” di Phillip Noyce

“Noah” di Darren Aronofsky

“Grace di Monaco” di Olivier Dahan

Agave di Cristallo - Christian Floris Infine, uno spazio speciale verrà riservato al film “Annie Parker” di Steven Bernstein, con l’intenzione di valorizzare il dialogo socialmente utile del film; Rosanna Banfi, testimonial dell’associazione Susan G. Komen per la lotta ai tumori al seno sarà presente con un intervento.

La Direzione Artistica e la conduzione della Serata di Gala del Premio Agave di Cristallo è affidata a Christian Floris, già coordinatore artistico, co-autore e conduttore del Festival “Tulipani di seta nera”. Christian Floris, ė da sempre impegnato nella creazione e nella realizzazione di prodotti d’intrattenimento finalizzati alla diffusione culturale in ambito editoriale, televisivo e cinematografico.

Corti and Cigarettes 2014: Gli ospiti e i premiati…

1412615232963Corti_and_CigarettesSi chiude con un grande successo di pubblico e critica la manifestazione della Capitale alla presenza di oltre 2000 persone che hanno visionato le migliori produzioni del 2014.

Una grande festa per il cinema, la danza e la musica con oltre duemila presenze.

Si riassume così la due giorni della settima edizione del Festival Internazionale del Cortometraggio Corti and Cigarettes fondato e diretto da Annamaria Liguori, Nicola Liguori e Tommaso Ranchino, andato in scena il 4-5 ottobre 2014 all’Auditorium Conciliazione di Roma.

Madrina del Festival è stata Lina Wertmuller, che ha, sul tema musicale di “Pasqualino Settebellezze”, ricevuto una vera e propria standing ovation da un Auditorium Conciliazione affollato ed emozionato.

Tante le icone dello spettacolo premiate durante il Gran Galà di Premiazione condotto da Christian Floris con Romina Carancini e Jose Dammert: tra questi Sandra Milo, che ha ricevuto il Premio per l’originalità artistica e umana, l’attore Cesare Bocci, l’attrice Elena Russo, il produttore Giovanni Cottone (reduce dal grande successo di Pasolini di Abel Ferrara a Venezia71), Franca Leosini,  premiata per la sua attività giornalistica d’inchiesta, Rosanna Banfi, per il suo infaticabile impegno sociale, Blasco Giurato, miglior direttore della fotografia, Gigi Marzullo per la sua attività giornalistica nel cinema e Pino Ammendola, distintosi negli anni per la poliedricità della sua attività artistica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Giuria Artistica del Festival – composta da Manuela Tempesta, Alberto Gangi Chiodo, Domitilla D’Amico, Ivan Carlei, Alessandro Paris, Enzo De Camillis, Bruno Altissimi, Giancarlo Scarchilli, Raffaello Fusaro, Leila Tavi, Ilaria Dalle Luche Jones e Paola Dei – ha assegnato il Premio Miglior Corto a “Electric Indigo” di Jean Julien Collette, Miglior Soggetto a “Bold” di Davide Gentile e Miglior Interprete a Matteo Pianezzi per “Piume”.

Il Premio della Critica, assegnato dalla giuria giornalisti composta da Carlo Dutto, Luca Ottocento, Filomena Leone, Marilena Vinci, James May, Simonetta Caminiti, Michela Barbieri e Fabiana Giada Radicati ha visto  un ex aequo tra “Recuiem” di Valentina Carnelutti e “Os Meninos do Rio”.

Il premio Rai Cinema Channel, il portale di Rai Cinema dedicato alle più belle immagini e ai film del cinema italiano, è stato assegnato al corto italiano più web e innovativo e consistente in un contratto d’acquisto dei diritti dell’opera. Il premio è stato consegnato a “Margie” di Domenico Modafferi dal direttore del portale e Responsabile Marketing e Commerciale di Rai Cinema Giovanni Scatassa.

 

Conduttore Televisivo, Speaker Radiofonico, Autore

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.293 follower